Adottiamo il futuro. Domani a Fiumicino con i #corridoiumanitari la famiglia siriana che sarà sostenuta dalla FLAI-CGIL

Agenzia NEV
Adottiamo il futuro. Domani a Fiumicino con i #corridoiumanitari la famiglia siriana che sarà sostenuta dalla FLAI-CGIL

Roma (NEV), 28 agosto 2017 – Domani mattina all’aeroporto di Roma Fiumicino ad accogliere una delle famiglie siriane in arrivo da Beirut con i corridoi umanitari, ci sarà anche una delegazione della Federazione nazionale lavoratori agroindustria (FLAI-CGIL), che lo scorso aprile aveva firmato un accordo con la Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) dal titolo: “Adottiamo il futuro”, teso al sostentamento per un anno di una delle famiglie giunte con i corridoi umanitari.

Iyad e sua moglie Majida, originari di Homs, con i loro tre figli maschi (i due più piccoli sono nati nei campi profughi libanesi), saranno accolti ad Aprilia (RM) in una struttura gestita dalla FCEI e dai suoi operatori di Mediterranean Hope, ma con il sostegno economico della FLAI-CGIL. “L’arrivo di questo nucleo familiare, così come tutti gli altri giunti in modo sicuro nel nostro paese attraverso i corridoi umanitari, è la dimostrazione che esistono e si possono esplorare canali d’ingresso legali, per non incappare nelle maglie di speculatori e trafficanti”, ha dichiarato Ivana Galli, segretaria generale FLAI-CGIL. “Questa collaborazione con la FCEI – aggiunge – si colloca in un solco che ha visto, in questi anni, la FLAI-CGIL schierata a difendere le ragioni di un’accoglienza dignitosa di quanti cercano rifugio e prospettiva di vita in Europa. Lo abbiamo fatto in numerose iniziative e oggi proseguiamo con l’adozione di una famiglia siriana giunta in Italia con i corridoi umanitari”.

Il progetto dei corridoi umanitari, promosso dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia e dalla Comunità di Sant’Egidio, finanziato in larga parte con i fondi dell’otto per mille valdese, in questi mesi ha visto la partecipazione nell’accoglienza dei profughi di numerose sigle, associazioni e realtà della società civile. “Siamo felici di constatare come attorno ai corridoi umanitari, nati dall’iniziativa ecumenica di diverse chiese cristiane, nascano altre forme di impegno aperto e condiviso”, è il commento del presidente della FCEI, Luca Maria Negro.

Il progetto ecumenico permette a profughi particolarmente vulnerabili di accedere al diritto di chiedere asilo senza rischiare la vita in mare, ma prendendo l’aereo: grazie a “visti umanitari” con il gruppo di domani saranno giunti dal Libano in Italia, legalmente e in tutta sicurezza, quasi 900 profughi soprattutto siriani.

AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies.
Maggiori informazioni [CHIUDI]