Migranti, affonda gommone nel Mediterraneo: tre donne morte, una ventina di dispersi tra cui diversi bambini

Alessandra Ziniti - Repubblica

Migranti, affonda gommone nel Mediterraneo: tre donne morte, una ventina di dispersi tra cui diversi bambini

A bordo erano circa in 120, moltissime donne giovani con tanti bimbi, alcuni piccolissimi. Nelle ultime 24 ore salvate complessivamente ottocento persone

E' andato giù poco prima che arrivassero i soccorsi. "Il gommone ha iniziato a sgonfiarsi, le persone sono andate nel panico, qualcuno mi ha spinto facendomi cadere in acqua". E' un ragazzo del Camerun a raccontare all'equipaggio della nave Aquarius di Sos Mediterranée le tragiche fasi dell'affondamento del gommone costato la vita a tre giovani donne e ad almeno una ventina di dispersi, tra cui diversi bambini, secondo le testimonianze degli 83 superstiti presi a bordo.

E' andato giù poco prima che arrivassero i soccorsi. "Il gommone ha iniziato a sgonfiarsi, le persone sono andate nel panico, qualcuno mi ha spinto facendomi cadere in acqua". E' un ragazzo del Camerun a raccontare all'equipaggio della nave Aquarius di Sos Mediterranée le tragiche fasi dell'affondamento del gommone costato la vita a tre giovani donne e ad almeno una ventina di dispersi, tra cui diversi bambini, secondo le testimonianze degli 83 superstiti presi a bordo.
Due donne, recuperate in fin di vita con i loro bambini, sono morte a bordo della nave. Il team di Medici senza frontiere ha tentato l'impossibile per salvarle ma non ce l'hanno fatta, una terza è morta questa mattina all'ospedale di Sfax dove era stata trasportata d'urgenza insieme a sei bambini in gravi condizioni con i polmoni pieni d'acqua.

"La scena era devastante - racconta uno dei medici del team - arrivavano a bordo molti casi gravissimi, uno dietro l'altro, persone incoscienti e che non respiravano piu''. "Abbiamo affrontato un salvataggio molto critico - conferma Klaus Merkle, capo delle operazioni a bordo della Aquarius - quando i nostri mezzi sono arrivati il gommone era già sgonfio da un lato e c'erano persone in acqua. Alcuni avevano già perso conoscenza quando sono stati recuperati".
Per la Aquarius quella di ieri è stata una giornata durissima. La nave è arrivata a questo salvataggio dopo essere stata allontanata dalla Guardia costiera libica quando ormai si trovava a soli cento metri da un altro gommone in difficoltà. "È stato terribile - racconta il team - sentivamo le grida d'aiuto ma non ci è stato permesso di intervenire".
Ottocento le persone complessivamente salvate nelle ultime 24 ore in cinque diverse operazioni di soccorso nel Mediterraneo. In 330, a bordo di una nave militare spagnola, sono già diretti verso il porto di Pozzallo. 
 
 
AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies.
Maggiori informazioni [CHIUDI]