Migranti, notte drammatica: soccorsi a raffica nel mare in tempesta, 400 persone in salvo

Alessandra Ziniti - La Repubblica

Migranti, notte drammatica: soccorsi a raffica nel mare in tempesta, 400 persone in salvo

Aumenta di ora in ora il numero dei migranti soccorsi nel Mediterraneo in condizioni dove continuano le traversate di migranti dalla Libia nonostante le difficili condizioni metereologiche.

Dalla notte scorsa le uniche due navi umanitarie rimaste ad operare in acque internazionali, la Proactiva Open Arms e la Aquarius, hanno preso a bordo circa 400 persone individuate dopo ore di ricerca su due gommoni e due barchini che avevano fatto partire la loro richiesta di aiuto, tramite telefoni satellitari, alla sala operativa della Guardia costiera di Roma che ha coordinato le operazioni.

Una prima barca con 139 persone a bordo (tra cui 36 minori e 7 bambini) è stata individuata intorno alle sei di stamattina dagli spagnoli della Open Arms. Poco più tardi una unita' navale di Eunavformed ha soccorso altri due barchini con complessive 121 persone  mentre nel pomeriggio un gommone con 115 migranti è stato individuato da una nave militare. Potrebbero essere i migranti che hanno dato l'allarme stanotte. I soccorritori hanno notato che, diversamente dalle altre volte, la maggior parte dei migranti sono famiglie provenienti dal Pakistan e dal Bangladesh.

Le operazioni di soccorso sono andate avanti fino all'imbrunire dopo il trasbordo dei migranti salvati dalla Open Arms e dall'unità militare sulla nave Aquarius che li porterà in Italia. Ma le previsioni meteo proibitive con una tempesta in arrivo con onde alte cinque metri ha imposto a tutte le navi di riparare verso il porto più vicino.

Proprio gli ultimi migranti soccorsi e sbarcati a Pozzallo la scorsa settimana hanno raccontato di come le modalità dei

 

 viaggi negli ultimi tempi siano ancora cambiate: i trafficanti, probabilmente anche per l'intensificarsi dell'azione di contrasto a terra e per le prime evacuazioni portate a termine da Oim e Unhcr grazie agli accordi internazionali, ma anche per i rischi maggiori dovuti alle condizioni meteo invernali, hanno abbassato i prezzi delle traversate fino a 400 euro e sono arrivati ad imbarcare su un solo gommone fino a 165 persone. Condizioni che rendono sempre piu' difficile il viaggio.

  Vai alla Fonte / Approfondisci

AUTORIZZAZIONE UTILIZZO COOKIE
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookies.
Maggiori informazioni [CHIUDI]