FLUSSI DI ENERGIA – Come liberare flussi di migrazione regolare
ROMA, 9 NOVEMBRE DALLE 14.00 ALLE 19.00
Sala della Protomoteca – Musei Capitolini, Campidoglio, 00186 Roma RM
Siamo convinti che esista una energia positiva sottesa alle migrazioni internazionali che, in quanto tale, dovrà essere liberata, perché si tratta di un movimento esistenziale, innato, naturale, necessario.
Il convegno/tavola rotonda Flussi di energia che è stato organizzato dall’Assessorato alle Politiche Sociali del comune di Roma insieme alla Rete del Forum e alla partecipazione della campagna Ero Straniero, nasce da questa consapevolezza: dall’urgenza di pretendere che le persone possano muoversi e viaggiare liberamente, per lavoro, per studio, per realizzare i propri progetti di vita. Dalla considerazione dei limiti attuali, ma anche dal riconoscimento delle potenziali opportunità rappresentate da una gestione dei flussi razionale e a lungo termine.
L’evento si terrà nella Sala Protomoteca del Campidoglio a partire dalle ore 14.00 e si strutturerà in due momenti diversi ma complementari tra di loro.
PRIMA PARTE: INTRODUZIONE dalle 14.00 alle 16.00
Si aprirà con gli interventi introduttivi di due accademici: Luca Di Sciullo, presidente del Centro Studi Idos e Maurizio Ambrosini, sociologo esperto in migrazioni dell’Università Statale di Milano. Poi, moderati dal giornalista di Radio2/Caterpillar, Massimo Cirri, spazio alle testimonianze di Ibrahim Diabate, mediatore culturale a Rosarno per Mediterranean Hope, il programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Souhayla Saab del progetto Yalla Study Project e di Roberto Renino dell’associazione Amel Italia (Libano).
La prima parte dell’incontro sarà conclusa dalla performance dell’attore Andrea Pennacchi (Propaganda Live).
PAUSA CAFFÈ dalle 16.00 alle 16.20
Al termine della performance si potrà fare una pausa di circa 20 minuti durante la quale si potrà anche accedere alla adiacente Sala Busti dove verrà offerto un caffè.N.B: l’accesso alla sala busti verrà consentito ad un massimo di 10 persone per volta.
SECONDA PARTE TAVOLA ROTONDA dalle 16.20 alle 19.00
La seconda parte si aprirà con l’estratto di Trieste è Bella di Notte, il nuovo film di Andrea Segre, Stefano Collizzolli e Matteo Calore, sulla rotta balcanica e che uscirà nei prossimi mesi. Al termine comincerà la tavola rotonda moderata da Giulia Presutti, giornalista di Report e di Agorà Rai, autrice di un lavoro sulla tratta di migranti a Roma che le è valso il premio Morrione. Dopo l’introduzione dei lavori affidati al giurista del Forum, Gianfranco Schiavone, sono previsti gli interventi della Campagna Ero Straniero e dell’Assessora alle politiche sociali di Roma Capitale, Barbara Funari. Più in generale, si aprirà il confronto pubblico tra le organizzazioni della società civile che proprio in questi giorni hanno manifestato la propria disponibilità ad intervenire, ed alcuni deputati di maggioranza e opposizione, tra i quali hanno già dato l’adesione: Elly Schlein e Riccardo Magi; la componente della segreteria nazionale di Sinistra Italiana e coordinatrice dell’Ufficio Diritti LGBT+ di Roma Capitale, Marilena Grassadonia e di rappresentanti dei sindacati, delle organizzazioni datoriali e dei ministeri del Lavoro, degli Affari Esteri e degli Interni ancora da confermare.
Per Cambiare l’Ordine delle cose Forum Nazionale è un progetto realizzato con il contributo di Open Society
INFO: A ciascun partecipante sarà distribuita gratuitamente una copia del Dossier Statistico Immigrazione 2022 grazie al sostegno dei fondi Otto per Mille della Tavola Valdese e dell’Istituto di Studi Politici S. Pio V

Torna l’appuntamento con la presentazione del Dossier statistico immigrazione 2022. L’evento si terrà il 27 ottobre, alle 10:30 presso il Nuovo Teatro Orione di Roma, e si aprirà con l’introduzione della moderatora della Tavola Valdese, Alessandra Trottaal cui intervento seguirà la proiezione di un video. I contenuti del Dossier saranno poi illustrati da Luca Di Sciullo, presidente del Centro Studi e Ricerche IDOS.

Martedì 18 ottobre alle 20:30 presso la Sala Lux in Piazza Carpenedo a Mestre verrà presentato il libro Disegni dalla Frontiera.

In occasione della 16esima giornata europea contro la tratta di esseri umani, sarà presentato a Mestre il racconto disegnato di Francesco Piobbichi, operatore e disegnatore sociale di Mediterranean Hope.

 

 

Dal 14 al 16 ottobre si terrà la prima edizione del “Rosarno Film Festival – fuori dal ghetto” a Rosarno (RC).

Per maggiori informazioni sul programma dell’evento: https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=125347733624942&id=100084491474694

Si tratta di un festival sui temi della dignità, dei lavoratori braccianti e del territorio della Piana di Gioia Tauro. Numerosi i cortometraggi che sono stati inviati per partecipare al concorso. Tra questi, ne sono selezionati per il concorso una decina. Elemento caratterizzante della rassegna è la giuria del festival, che sarà composta da lavoratori braccianti.

Dopo la proiezione dei corti , che si svolgeranno il 14 e 15 ottobre nell’auditorium di Rosarno, domenica 16 ottobre, alle 18:30, alla tendopoli di San Ferdinando, per celebrare Thomas Sankara, si terrà un incontro con Blandine Sankara, sorella del leader burkinabè, attivista impegnata sul tema dell’indipendenza alimentare, alla quale recentemente il Comune di Cinquefrondi e Caulonia (Reggio Calabria) hanno concesso la cittadinanza onoraria.

A sostenere il Rosarno Film Festival ci sono: Mediterranean Hope – Programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, Rete delle Comunità Solidali, Sos Rosarno, RiVolti ai Balcani, Altreconomia, Comune-Info, FuoriMercato – autogestione in movimento, Sea Watch, ResQ, Equosud, Confronti, Cinema Metropolis Umbertide, Cinema postmodernissimo Perugia, Equosud.

Tra i personaggi che hanno sostenuto e appoggiato l’iniziativa, anche registi e attori come Ken Loach, che ha inviato un messaggio al festival, e Andrea Segre, che ha visitato nelle scorse settimane l’ostello sociale di Rosarno e registrato un video di supporto alla rassegna.

I filmati in concorso saranno inoltre disponibili per rassegne e festival che vorranno dare visibilità al tema dello sfruttamento del lavoro.

Nata con l’idea di creare un luogo di incontro e di condivisione tra le persone, la FlamingoLoophole è stata inaugurata a giugno 2022 come la prima palestra di arrampicata terapeutica in Bosnia Erzegovina nella città di Bihać, nota per essere un passaggio “minato” per le persone in transito lungo una delle rotte balcaniche.

Francesco Bertelè, climber appassionato e artista il cui lavoro è attualmente esposto in Erosive Forces Shape (Inner) Landscapes, curata da Alessandra Troncone alla Galleria Doris Ghetta Ortisei, presenta il progetto realizzato nei Balcani che fa parte del progetto Balkan Rope di Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia. L’artista sarà in dialogo con la curatrice della mostra Alessandra Troncone, gli artisti Giusi Campisi e Pasquale Campanella e gli operatori di Mediterranean Hope, Niccolò Parigini e Lea Karam.

L’incontro si terrà in presenza alla Galleria Doris Ghetta a Pontives 8, Ortisei (BZ) e online su Zoom (ID: 769 7054 9906 PW: FpR1Aq).

 

Il Programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia sarà presente all’Assemblea generale del Consiglio ecumenico delle chiese che si apre il 31 agosto in Germania

Per maggiori informazioni: https://www.oikoumene.org/about-the-wcc/organizational-structure/assembly

Si intitola “Il costo di un’arancia” il workshop che Mediterranean Hope (MH), programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, organizzerà nel corso dell’Assemblea generale del Consiglio ecumenico delle chiese. 

L’evento si aprirà il 31 agosto a Karlsruhe, in Germania. L’iniziativa targata MH è in programma in particolare nel pomeriggio di giovedì 1 settembre, dalle 15:30 alle 16:45

Il 4 settembre, alle 11, operatori ed operatrici di Mediterranean Hope, e in particolare la coordinatrice Marta Bernardini, l’operatore e mediatore Ibrahim Diabate da Rosarno e l’operatrice Fiona Kendall parteciperanno ad un Culto, seguito da un pranzo e dalla presentazione delle attività del programma FCEI presso la chiesa della pastora Dorothee Mack.

Qui il programma dei workshop di cui fa parte anche l’incontro promosso dai protestanti italiani: https://www.karlsruhe2022.de/begegnungsprogramm/.

Infine, dal 1^ settembre al 7 settembre, sarà allestita la mostra “Hear my voice”, già organizzata a Roma nei mesi scorsi.

Il NEV seguirà il summit con un reportage ad hoc da Karlsruhe. Qui gli articoli dell’agenzia stampa della FCEI già pubblicati negli scorsi giorni:

Cosa succederà a Karlsruhe (24/08/2022)

Verso Karlsruhe. In nome della giustizia climatica (19/08/2022)

Comitato centrale CEC, una pagina di ecumenismo vissuto (31/07/2022)

Giovedì 27 luglio, alle 19:30, si terrà l’inaugurazione del “Giardino della Memoria”, presso il lungomare di San Ferdinando (lato nord).
Il “Sentiero del Sognatore” si arricchisce dunque di un altro tassello. Il percorso, realizzato con materiali da riciclo dai volontari del Servizio Civile 2020/2021, è stato recentemente rimesso in sesto da un gruppo di ragazzi, che si sono anche fatti carico delle spese di restauro e manutenzione.
La cerimonia inizierà con la piantumazione di diversi arbusti, che saranno dedicati alla memoria di Pasquale Severino e Giuditta Levato.
Figura cardine del panorama politico calabrese, sindacalista, fondatore dell’ Associazione Civica S. Barbara Onlus, Pasquale Severino è stato un pezzo di storia della comunità sanferdinandese.
Nata in provincia di Catanzaro, Giuditta Levato è stata promotrice delle battaglie contro l’egemonia latifondista, scatenate dalla Riforma Agraria del 1944. Esponente del PCI, riuscì a guidare migliaia di braccianti verso la liberazione dallo sfruttamento agricolo.
Morì a 31 anni, capeggiando una protesta contadina contro il latifondista Pietro Mazza.L’evento sarà patrocinato da Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia, e dal suo ostello sociale DambeSo, SOS Rosarno e La Coperta della Memoria della Piana di Gioia Tauro e di Palmi, con la collaborazione dell’Associazione Civica S. Barbara Onlus.

Un confronto su regolarizzazione e canali di ingresso per lavoro 

a vent’anni dalla Bossi-Fini

Giovedì 14 luglio 2022, ore 15.00

Sala Zuccari, palazzo Giustiniani – Via della Dogana Vecchia, 29 – Roma

ore 14.30:

Ingresso in sala

ore 15.00:

Saluti di:

  • Emma Bonino, senatrice, e Luigi Manconi, presidente di A buon diritto,  per la campagna Ero straniero

Relazione introduttiva di:

  • Giulia Capitani, Oxfam Italia, e Giulia Gori, Federazione chiese evangeliche in Italia (FCEI), per la campagna Ero straniero

Interventi di:

  • Chiara Tronchin, ricercatrice Fondazione Moressa
  • Hardeep Kaur, sindacalista Flai Cgil Latina Frosinone
  • Claudio Cappellini, responsabile politiche comunitarie CNA
  • Chris Richmond, CEO di MyGrants
  • Leonardo Becchetti, professore di Economia politica, Università di Roma Tor Vergata
  • Tatiana Esposito, direttrice generale della DG immigrazione e politiche di integrazione del ministero del lavoro e delle politiche sociali
  • Luciana Lamorgese, ministra dell’interno

Modera: Francesca Schianchi, La Stampa

I lavori saranno trasmessi in diretta streaming sulla web-tv e sul canale YouTube del Senato.


Informazioni e modalità di accredito

L’appuntamento è giovedì 14 luglio alle ore 15.00 (ingresso in sala dalle 14.30) a palazzo Giustiniani, via della Dogana Vecchia, 29, Senato. Obbligo di giacca e cravatta.

Per accreditarsi scrivere a erostraniero2017@gmail.com. Le richieste di accredito per giornalisti, cineoperatori e fotografi devono contenere:

  • dati anagrafici (nominativo, luogo e data di nascita); recapito telefonico; estremi della tessera dell’Ordine dei giornalisti, ovvero gli estremi del documento di identità per gli altri operatori dell’informazione; testata di riferimento.

Contatti: erostraniero2017@gmail.com

La campagna “Ero Straniero” è promossa da Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ActionAid, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, Oxfam,  Federazione Chiese Evangeliche Italiane (Fcei), CILD, ACLI, e sostenuta da Legambiente, Scalabriniani, AOI, CGIL e da decine di altre organizzazioni.

In occasione della ricorrenza della Giornata Mondiale del Rifugiato,𝗖𝗚𝗜𝗟 e 𝗠𝗲𝗱𝗶𝘁𝗲𝗿𝗿𝗮𝗻𝗲𝗮𝗻 𝗛𝗼𝗽𝗲 – 𝗖𝗮𝘀𝗮 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗖𝘂𝗹𝘁𝘂𝗿𝗲, 𝗶𝗻 𝗰𝗼𝗹𝗹𝗮𝗯𝗼𝗿𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗰𝗼𝗻 𝗹𝗲 𝗿𝗲𝗮𝗹𝘁𝗮̀ 𝗱𝗲𝗹 𝘁𝗲𝗿𝘇𝗼 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗼𝗿𝗲 𝗳𝗮𝗰𝗲𝗻𝘁𝗶 𝗽𝗮𝗿𝘁𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗣𝗮𝘁𝘁𝗼 𝗱𝗶 𝗦𝗼𝗹𝗶𝗱𝗮𝗿𝗶𝗲𝘁𝗮̀ 𝗱𝗶 𝗦𝗰𝗶𝗰𝗹𝗶, 𝗰𝗼𝗻 𝗶𝗹 𝗣𝗿𝗼𝗴𝗲𝘁𝘁𝗼 𝗦𝗛𝗨𝗕𝗛 (Prog. 3362 – Servizi integrati per l’autonomia socio-economica dei titolari di Protezione Internazionale) e con il patrocinio del Comune di Scicli, organizzano una giornata evento che si terrà presso la Villa Comunale Penna a Scicli il prossimo 20 giugno.
La Giornata Mondiale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite, ha lo scopo di commemorare l’approvazione nel 1951 della Convenzione relativa allo Statuto dei rifugiati da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.
I conflitti attivi, nel 2022, sono ancora tanti. Che sia per guadagno territoriale, motivi religiosi o politici, gli scontri armati continuano a caratterizzare l’umanità. Sono oltre 70 milioni i rifugiati, richiedenti asilo e sfollati che in tutto il mondo fuggono da guerre e persecuzioni. Tutti costretti ad abbandonare tutto e tutti in cerca di nuove certezze in altri paesi. Riflettere sulla loro situazione, conoscere le loro storie e le loro difficoltà, non rimanere indifferenti e cercare di attivarsi, nella propria quotidianità, per accoglierli e rispettare i loro diritti, sono gli scopi della Giornata Mondiale del Rifugiato.
Nel corso della Giornata a Scicli verranno promosse attività didattico – ricreative per i ragazzi, di intrattenimento e anche momenti di riflessione sulle “Rotte migratorie e dell’accoglienza e strategie di integrazione” al fine di approfondire la tematica anche relativamente al nostro territorio. Ora più che mai è necessario favorire percorsi di piena inclusione in ogni ambito della società, dal lavoro allo studio e alla salute di quanti sono costretti a fuggire dai loro paesi di origine.
👉 La Giornata inizierà con il laboratorio creativo ed interattivo “Costruire la pace” curato dagli operatori dalla Coop. Soc. Agire e rivolto a tutti i bambini e ragazzi che vorranno partecipare. Appuntamento alle 11:00 davanti il Municipio di Scicli. Prendendo ispirazione dai colori e simboli delle bandiere che colorano e caratterizzano ogni stato nella sua identità i bambini saranno chiamati ad intrecciare i loro colori e, seguiti dagli operatori dell’Opera Diaconale metodista e MH Casa delle Culture, daranno ampio spazio alla loro fantasia e in un intreccio di colori realizzeranno dei bellissimi segnalibri, che potranno portare con sé a casa, insieme al ricordo di un bellissimo pomeriggio in compagnia.
Perché l’arte, i colori, la musica e i sorrisi e le esperienze delle persone, indipendentemente dal loro paese d’origine, arricchiscono la collettività e più sono i colori, le bandiere e le tradizioni e più bello e ricco è il mondo intorno a noi. Nell’ambito di tale iniziativa e vista l’importanza di sensibilizzare la collettività ed in particolare i giovani ed i bambini, è stato proposto ad insegnanti ed alunni delle scuole elementari di partecipare attivamente all’evento. Gli alunni delle interclassi quarte e quinte degli istituti Comprensivi “Don Milani” e “Dantoni” hanno perciò realizzato dei disegni e originali illustrazioni che saranno esposti negli spazi esterni della Villa comunale in un allestimento interattivo a partire alle 16:30.
Gli artigiani locali esporrano le loro opere di manifattura artigiana: pizzi, ricami, bijou e lavori fai da te impreziosiranno gli angoli della Villa.
Uno spazio sarà dedicato anche alla lodevole iniziativa “La stanza del riuso” della Casa delle Donne.
Un momento di riflessione, curato da CGIL e Mediterranean Hope – Casa delle Culture, coinvolgerà enti ed associazioni impegnate nel territorio. Verranno approfonditi i temi dei progetti dedicati ai corridoi umanitari e del supporto psicologico a quanti scappano dal proprio paese per necessità avendo vissuto sulla propria pelle tragedie inimmaginabili e cercando rifugio altrove. Ampio spazio di approfondimento sarà dato al rispetto del loro diritto alla salute e all’istruzione, nonché all’accesso al mondo del lavoro, libero da discriminazioni. Interverranno Federica Brizi (responsabile dei Corridoi Umanitari per Mediterranean Hope – Federazione delle Chiese Evangeliche), Clemente Sabba (Coordinatore MEDU Medici per i Diritti Umani per la Sicilia), Ahmed Echi (Responsabile del progetto di EMERGENCY a Ragusa), Anna Caratozzolo (Responsabile CPIA Ragusa) e Giuseppe Scifo (Segretario Generale CGIL Ragusa).
Rifugiati, profughi e migranti portano con sé un bagaglio di competenze, coraggio e determinazione che arricchiscono le comunità ospitanti, diventando risorse preziose per la società e per il bene comune.
Chiuderà la serata a Villa Penna la coinvolgente esibizione di musica popolare di “Carmelo Errera e gli Scacciadiavoli”.
La partecipazione ai laboratori e l’ingresso a Villa Penna sono liberi e gratuiti.
X