Roma (NEV), 16 aprile 2024 – “Come aumentare la platea di beneficiarə dei Corridoi Umanitari, delle Evacuazioni, del Resettlement e degli Inviti Onerosi” è il titolo del panel al quale parteciperà domani, 17 aprile, la responsabile accoglienza di Mediterranean Hope, il programma migranti e rifugiati della FCEI, Federica Brizi, al Festival Sabir.

Qui il programma dell’incontro, che si svolgerà nell’ambito della rassegna che quest’anno si tiene a Prato:

16:00 – 17:00 I Protocolli in corso: come consolidarli

Modera: Alessandra Fabbretti, giornalista

Intervengono:

  • Chiara Cardoletti, Rappresentante UNHCR per l’Italia
  • Daniela Pompei, Responsabile per i Servizi ai Migranti, Comunità di Sant’Egidio
  • Flavio Di Giacomo, Portavoce OIM per il Mediterraneo
  • Valentina Itri, Coordinatrice Corridoi Umanitari ARCI

17:00 – 18:00   Dalle evacuazioni a nuove vie di accesso sicure e legali

Intervengono:

  • Federica Brizi, Responsabile Accoglienza e Corridoi Umanitari, FCEI
  • Oliviero Forti, Responsabile Immigrazione Caritas Italiana
  • Marco Bertotto, Direttore Programmi MSF Italia
  • Silvia Stilli, Presidente AOI

L’Università della terza età di Chivasso, in collaborazione con la Chiesa Valdese di Chivasso e Torrazza Piemonte, organizza per il 15 febbraio, dalle 16 alle 17.15 una lezione-concerto aperta al pubblico, dal titolo “Migrante espiatorio. Dai bastimenti ai corridoi umanitari“, che si terrà in Piazza D’armi, presso il Palazzo Einaudi, nel comune in provincia di Torino. Protagonisti dell’appuntamento saranno Paolo Naso, politologo dell’Università di Roma La Sapienza, Alberto Annarilli, etnomusicologo dell’Università di Roma Tor Vergata, Elisa Biason, insegnante e cantante, collabora con Mediterranean Hope, programma rifugiati e migranti della federazione delle chiese evangeliche in Italia.

locandina Lezione concerto Uni3 Chivasso

Rome consultation
Hosted by the Federation of Protestant Church in Italy in collaboration with
PCUSA and Global Ministries UCC/Disciples and their partners in Europe and the Middle East
People on the move
January 21-25, 2024

The conference will be an opportunity for select partners in Europe and the Middle East of the Presbyterian
Church(USA), the United Church of Christ and the Disciples, and the Federation of Protestant Churches in Italy to
come together to share their work on internally displaced, migrant and refugee justice in their context and
collectively. The program will include panel presentations and small group activities as participants plan for future
work together. Conference hosts will work together to determine and facilitate conversations between church and
migrant communities, political figures, and activists. Partners will be invited to present work they have engaged
with around migrant ministry and US denominational staff will share the work of US churches to find common and
divergent challenges.
The event will focus on the following objectives:
• We will make space for people on the move’s voices to be centered allowing them to speak for themselves
giving voice to the marginalized
1. This representing a deeper commitment to mutual partnership in solidarity where we learn, advocate,
and grow together
• Develop action steps that are contextual
1. This will be accomplished by hearing from impacted persons and gathering as a Global Ecumenical
community
The above objectives will be accomplished by the following:
• Root causes/forced migration: Church leaders gathered at this consultation will explore root causes centered
on racism, poverty, militarism, and ecojustice alongside how these factors impact, influence, and interact
with forced migration/people on the move
1. This will be accomplished by exploring case studies and what organizations are doing to address root
causes
2. We will examine case studies on what organizations are doing to welcome people on the move and
build vibrant community centers for displaced persons
• Work toward Welcome
1. Alongside impacted voices we will hear from countries hosting and welcoming refugees both in
Europe and the Middle East
2. Additionally we will hear from partners and organizations hosting and welcoming with internally
displaced persons
• Reengaging youth
1. How can the church continue to build vibrant congregations and communities to reengage younger
generations who are leaving the church yet have influential voices on the impacts of racism, poverty,
militarism, and ecojustice related to internal displacement of people, migration, and refugees
The event will be held in Rome January 21-25, 2024 for a four-day conference, including opportunities for exposure.
At the end of the conference, participants will work on proposals to discern how to continue working collectively,
and fully engage in advocacy at different levels. The meeting will also include a cultural event when participants and
migrant communities will be able to share about their country and traditions.

 

A che punto è il decreto flussi per l’ingresso di lavoratori e lavoratrici migranti? Mercoledì 20 dicembre, alle 12, al Senato della Repubblica, si svolgerà la conferenza stampa dal titolo “La lotteria dell’ingresso per lavoro in Italia: i numeri (e i limiti) del decreto flussi”. La campagna Ero straniero, alla quale aderisce anche la Federazione delle chiese evangeliche in Italia, presenterà in quell’occasione “l’analisi dell’impatto degli interventi normativi in materia di ingressi per lavoro ed evidenzia i limiti di un sistema rigido e inefficace”, come spiegano i promotori dell’iniziativa.

Per accrediti: info@erostraniero.it

Roma (NEV), 7 dicembre 2023 – “La modellizzazione dell’abitare diffuso e dignitoso come risposta” è il sottotitolo del convegno in programma per martedì 12 dicembre a Reggio Calabria. Di questione abitativa dei lavoratori migranti impiegati in agricoltura discuteranno quindi studiosi e rappresentanti della società civile e delle istituzioni.

Di seguito il programma dell’iniziativa, che inizierà con la registrazione dei e delle partecipanti alle 9.30, presso l’Hotel Torrione, in via del Torrione 67:

Modera Libero Ciuffreda (FCEI)
10.00 Saluti istituzionali:
Michele Conia, Sindaco di Cinquefrondi (Città Metropolitana Reggio
Calabria)
Alessandra Trotta, Moderatora Tavola Valdese
Prof. Daniele Garrone, Presidente Federazione chiese evangeliche in
Italia (FCEI)
10.20 Politiche dell’abitare nella Piana di Gioia Tauro, Francesco Piobbichi (FCEI)
10.40 La condizione dei braccianti stranieri nella Piana di Gioia Tauro:
la modellizzazione dell’abitare diffuso e giusto come risposta,
Alessandra Corrado e Mariafrancesca D’Agostino (Università della
Calabria)
11.00 Alloggio, collocamento, trasporto: i nodi del lavoro bracciantile
stagionale in Basilicata, Domenico Perrotta (Università di Bergamo)
11.20 La relazione tra spazi abitativi e il prezzo del lavoro. Il caso dei e delle
braccianti della Fascia Costiera Trasformata (RG), Giuliana Sanò
(Università di Messina)
11.40 Traiettorie e condizioni di inclusione dei lavoratori stranieri nella
viticoltura del Basso Piemonte, Davide Donatiello (Università di
Torino)
12.00 L’inclusione socio-abitativa del bracciantato migrante nelle campagne
del Foggiano, Francesco Saverio Caruso (Università Magna Grecia di
Catanzaro), Camilla Macciani (Università della Calabria)
12.20 Abitare a Campobello di Mazara (Trapani) oltre la raccolta olivicola.
Resistenza, repressione, adattamento e autogestione, Emilio Caja
(Università di Lisbona) e Martina Lo Cascio (Università di Palermo)
12.40 Patrimonio abitativo vuoto: il riutilizzo per l’accoglienza diffusa,
modello ad utilità plurime, Alberto Ziparo (Università di Firenze)
13.00 Modelli di Housing Sociale, Francesco Sciotto (Diaconia Valdese)
13.20 Dibattito e conclusioni, a cura della FCEI

Per iscrizioni, inviare una mail a rosarno.mh@gmail.com

un unico approccio a servizio di diverse vie di ingresso

qui il programma e all’interno il form per iscriversi:

Safe-agenda_web (1)

MIGRANTI, VENERDì NUOVI ARRIVI DAL LIBANO COI CORRIDOI UMANITARI

Il 1 dicembre il benvenuto a 62 rifugiate e rifugiati siriani e conferenza stampa al terminal 5 dell’aeroporto di Fiumicino. Per la FCEI interverrà Marta Bernardini.

Roma (NEV/CS34), 29 novembre 2023 – Venerdì 1 dicembre arriveranno a Fiumicino, con un volo provenienti da Beirut, 62 rifugiate e rifugiati siriani, tra cui numerosi minori, che hanno vissuto a lungo nei campi profughi libanesi e in alloggi precari alla periferia di Beirut. Altri 18 giungeranno, sempre dalla capitale libanese, il prossimo 6 dicembre.

Il loro arrivo in Italia – in un momento difficilissimo per il Libano a causa del vicino conflitto israelo-palestinese – è reso possibile grazie ai Corridoi Umanitari promossi da Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese evangeliche in Italia e Tavola valdese, in accordo coi Ministeri dell’Interno e degli Esteri, che dal febbraio 2016 hanno portato in salvo in Italia, solo da questo paese oltre 2.700 persone. Complessivamente in Europa con i Corridoi Umanitari sono arrivati oltre 6.700 rifugiati.

I nuclei familiari saranno accolti in diverse regioni italiane, in parte grazie ai loro parenti, giunti in precedenza coi Corridoi Umanitari, in parte in case messe a disposizione da famiglie italiane, chiese ed associazioni. Queste ultime li accompagneranno nel percorso di inclusione, grazie all’apprendimento della lingua italiana e, una volta ottenuto lo status di rifugiato, all’inserimento nel mondo lavorativo.

I corridoi umanitari, interamente autofinanziati, sono un’iniziativa della società civile che dimostra come sia possibile coniugare la salvezza dai viaggi in mare – e quindi dai trafficanti di esseri umani – con accoglienza e integrazione. Una best practice riconosciuta a livello internazionale che può diventare un modello per tutta l’Unione Europea. In questo tempo, segnato dal moltiplicarsi delle guerre, sono una risposta concreta per persone e famiglie vulnerabili.

Alle ore 11.30 di venerdì 1 dicembre, al Terminal 5 di Fiumicino, l’accoglienza ai profughi e la conferenza stampa con la partecipazione di:

Marta Bernardini, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia

Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio

Rappresentanti dei Ministeri dell’Interno e degli Affari Esteri

È necessario accreditarsi entro giovedì 30 novembre alle 18, inviando una mail all’indirizzo com@santegidio.org e/o nev@fcei.it, con nome, cognome, luogo e data di nascita, indicando la testata giornalistica e l’eventuale targa dell’automobile per poter accedere al parcheggio del Terminal 5. L’accesso alla stampa sarà consentito entro e non oltre le ore 11.00

Nell’ambito del progetto europeo su fondi Amif “Comet”, giovedì 26 ottobre verrà organizzato un webinar che mira ad affrontare il tema dei movimenti secondari, “un fenomeno vissuto da molti attori impegnati nell’organizzazione di vie di ingresso complementari ma del quale si tende a parlare poco”, spiegano i promotori. L’obiettivo del webinar è “fare emergere, con l’aiuto della Federazione delle chiese evangeliche in Italia e di Intersos, le esperienze e le sfide affrontate nell’implementazione dei corridoi umanitari e dei pathway per minori non accompagnati”.
Il webinar mira inoltre “a capire, guidati dall’esperienza dei mediatori interculturali dell’associazione della diaspora “Mosaico” e dei terapeuti dell’associazione Frantz Fanon, cosa porta ai movimenti secondari e come poter affrontare e minimizzare questo fenomeno”.

QUI il link per partecipare al Webinar: complementary pathways and secondary movement – COMETNETWORK

La Federazione delle chiese evangeliche in Italia, attraverso il suo programma migranti e rifugiati in Italia, Mediterranean Hope, è la realtà capofila del progetto Comet. Al webinar parteciperanno, per le chiese protestanti, Fiona Kendall e Giulia Gori.

Roma (NEV), 18 settembre 2023 – Si chiama “Limbo” la mostra fotografica di Giulio Tonincelli*, fotografo e videomaker, che ha visitato come volontario i progetti umanitari di Mediterranean Hope, programma migranti della FCEI, in Bosnia, alla fine dello scorso anno. Le immagini saranno esposte da domani, martedì 19 settembre a sabato 23 settembre a Orvieto, cittadina in provincia di Terni, presso la nuova biblioteca pubblica di piazza Febei. L’inaugurazione dell’evento sarà domani alle 18.30.

“Il progetto LIMBO nasce nel dicembre 2022 insieme a Mediterranean Hope (programma
migranti e rifugiati della “Federazione delle chiese evangeliche in Italia”). In Bosnia ed Erzegovina, al confine con la Croazia, Mediterranean Hope ha aperto un Centro diurno per assistere le persone in transito e una palestra di arrampicata terapeutica. Visto il periodo invernale ed il modificarsi delle rotte migratorie in continuo cambiamento abbiamo iniziato a riflettere sui vuoti, sulle sospensioni che queste rotte insieme ai loro protagonisti viaggiatori, intrecciano col territorio. Le case abbandonate durante la guerra che ritrovano in modo discontinuo un senso di accoglienza grazie al passaggio illegale delle persone, creano un non luogo. Anziché raccontare i migranti in prima persona ci siamo soffermati sui silenzi, sull’incertezza e l’eco che il passaggio di queste persone lasciano alle loro spalle”, si legge nella presentazione dell’iniziativa.

La mostra si svolge nell’ambito dell’Orvieto Cinema Fest.


Qui lo “sguardo dalla frontiera” scritto da Giulio Tonincelli, dopo l’esperienza in Bosnia.

*Bio. Giulio Tonincelli, fotografo e filmmaker indipendente, co-founder di Moonwalk Studio e programmatore dell’Orvieto Cinema Fest. Realizza progetti per diverse ONG viaggiando tra Vicino Oriente, India, America Latina e Africa. I suoi progetti sono stati selezionati in numerosi festival internazionali in oltre 20 paesi. Ha trascorso il mese di dicembre 2022 in Bosnia, come volontario di Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della Federazione delle chiese evangeliche in Italia.

X